L’impegno dei genitori

La società cambia, i ragazzi cambiano, la scuola cambia… e l’Educazione? Come stare al tempo con i cambiamenti, nell’ambito dell’Educazione?

Io ho trovato questa ottima risposta e ho il piacere di condividerla con voi, si chiama “L’arte di educare” dell’autrice Silvana Tiani Brunelli.

La dott.ssa Tiani ha dedicato vent’anni di ricerca nell’ambito dell’educazione al servizio dei bambini, ragazzi e dei loro educatori, è presidente dell’Associazione Vitae ONLUS che si impegna nel volontariato per la qualità dell’educazione e del Centro Studi Podresca. L’associazione propone studi ed esperienze per lo sviluppo delle abilità umane, per migliorare le relazioni interpersonali e per elevare la qualità della vita nel mondo dell’infanzia e dei giovani.

Nel suo libro “Educare con amore e fermezza” spiega inedite conoscenze affinché genitori, insegnanti e ragazzi abbiamo i medesimi strumenti per raggiungere un fine comune: “che il bambino impari” con abilità di relazione, ossia “stando bene insieme”.

Un bambino quando nasce ha bisogno di ricevere tutto, poi nel tempo ripaga ogni nostra notte in bianco e ogni fatica, basta un sorriso o semplicemente vederlo sereno, ma il suo bisogno di ricevere continua, riceve affetto, attenzione, ma anche valori, nozioni, buone abitudini… I bambini hanno il bisogno di imparare e l’adulto ha il compito di insegnare: l’uno completa l’altro.

Il processo dell’insegnamento è lungo (pensiamo per quanti anni i figli o gli alunni imparano dai genitori e dagli insegnanti); risulta perciò inevitabile il classico “perdere la pazienza”, non trovare la via giusta per un accordo, alzare il “volume” nelle richieste, per concludere poi con l’azione punitiva e gli inevitabili sensi di colpa.

Eppure riuscire ad attraversare le difficoltà mantenendo il fine educativo, che il ragazzo impari e sia felice, è una sensazione appagante che ogni educatore può provare. Avere cura dell’altro e comprenderne i bisogni, mantenere il rispetto reciproco, aumentare l’abilità di comunicare correttamente, la comprensione e la collaborazione sono solo alcuni degli strumenti indispensabili nell’educazione di oggi fin dai primi anni di vita, per formare giovani maturi, capaci di fare scelte in modo responsabile ed etico.

La ricerca della dott.sa Tiani Brunelli è stata applicata nel progetto “Costruire Relazioni” realizzato in provincia di Treviso nell’anno scolastico 2011 – 2012 con il contributo e il patrocinio della Regione Veneto.

Nei laboratori ho visto i bambini imparare “l’abilità di seguire le indicazioni”, scoprire il valore e l’utilità dello studio e “scegliere di impegnarsi”. Ho visto la facilità con cui i ragazzi si mettono alla prova, come imparano modalità nuove di stare in relazione e quanto sono pronti a cambiare. Per gli adulti il processo è in apparenza più lento: cambiare è difficile ma possibile!

Genitori e insegnanti di oggi possono instaurare delle relazioni piacevoli e funzionanti con i figli e con gli alunni.

Migliorare le relazioni significa per i ragazzi anche stare bene a scuola, non ferirsi, dare attenzione e creare maggiore collaborazione. Si ottengono così due risultati molto importanti: oltre all’abilità di saper fare, matura anche l’abilità di voler fare, ossia saper scegliere liberamente di applicare il sapere appreso. Così imparare qualsiasi nozione o capacità diventa anche una crescita sul piano umano.

Ho visto il cambiamento di quando concluso il ciclo di insegnamento, si ringrazia il bambino per aver imparato e aver collaborato. Il ringraziamento insegna il valore dell’apprendimento: imparare è un evento prezioso nella vita.

La ricerca applicata nel progetto “Costruire Relazioni” è descritta anche nel libro “Insegnare le relazioni”, Podresca Edizioni; che invito a leggere.

Ringrazio il percorso di “L’arte di educare” che si snoda attraverso lo studio di numerosi principi e di preziosi strumenti che hanno portato un rinnovamento nella mia famiglia e sento potrebbero dare un contributo decisivo a tutti coloro che sono impegnati nella crescita dei ragazzi, soprattutto in questo periodo storico dove fare continui tagli nel mondo dell’istruzione, non è certo sinonimo di qualità, crescita e sostegno, per i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie.

Sonia Casotto, presidente InformAzioneCrescita, collaboratrice educativa nido in famiglia, genitore, sostenitore del progetto “Costruire Relazioni”

 

Bibliografia: Collana “L’Arte di Educare”, di Silvana Tiani,                                                                                “Le abilità personali nell’educazione. Fondamenti teorici e metodologici” di  Silvano Brunelli                   “Come Comunichiamo?”, “Dare e Ricevere”, “Amo la Terra”, “Una cosa bella di me” di Silvana Tiani

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>